Questo servizio utilizza i cookie per offrirti una migliore esperienza di utilizzo.

Cliccando su Approvo, acconsenti all'uso dei cookie.

Sabato, 17 Novembre 2018

EHF - Sicurezza per la cultura

EHF sett 2018 COP

La rivista "EHF - Sicurezza per la cultura", organo ufficiale della Fondazione Enzo Hruby, è una pubblicazione quadrimestrale che affronta da vari punti di vista il tema della sicurezza dei beni culturali. In ogni numero sono presenti le notizie di furti, recuperi e nuove tecnologie al servizio della protezione e della valorizzazione del nostro patrimonio e interviste a personaggi di spicco che operano nel mondo dei beni culturali.  Un ampio spazio è dato inoltre alla trattazione delle varie iniziative sostenute dalla Fondazione Enzo Hruby volte a promuovere la cultura della sicurezza, tra cui il Premio H d'oro.

PER RICEVERE GRATUITAMENTE LA RIVISTA CLICCARE QUI

  

 

Un impegno che si rinnova da dieci anni
Editoriale di CARLO HRUBY

Nel 2013 festeggiavamo sulle Terrazze del Duomo di Milano i primi cinque anni della nostra Fondazione e in quella occasione tracciavamo un primo bilancio: 25 progetti sostenuti, 13 convegni e 3 iniziative editoriali. Oggi, cinque anni dopo, siamo arrivati a 79 progetti dedicati ad altrettanti beni e monumenti, 37 convegni e incontri con gli studenti e abbiamo proseguito la nostra attività editoriale con la pubblicazione di Un capolavoro chiamato Italia, che raccoglie le testimonianze di oltre trenta dei maggiori esponenti dei beni culturali del nostro Paese su un tema di grande importanza come la protezione e la valorizzazione del nostro straordinario patrimonio. Non ci siamo fermati mai in questi primi dieci anni. Nei primi cinque abbiamo gettato basi solide per la nostra Fondazione, che rappresenta ancora oggi un’unicità nel panorama nazionale, e attraverso i progetti sostenuti e le molteplici iniziative realizzate abbiamo assunto una profonda consapevolezza dei vizi e delle virtù che caratterizzano un mondo così eccezionale e complesso come quello dei beni culturali in Italia. In primo luogo abbiamo preso atto della drammatica carenza di sistemi di sicurezza adeguati alla capillare diffusione del patrimonio sul territorio, dovuta non tanto ad un problema di risorse economiche quanto piuttosto alla mancanza di un adeguato livello di conoscenza delle potenzialità che oggi la tecnologia offre con costi contenuti per la protezione di chiese, biblioteche, monumenti e  opere d’arte.
I primi cinque anni possiamo dirli caratterizzati da tante prime volte: i primi progetti dedicati al patrimonio ecclesiastico, museale, librario, le prime mostre temporanee di cui abbiamo sostenuto la protezione, i primi volumi, i convegni che hanno riunito i più importanti esponenti dei beni culturali intorno al tema della sicurezza.
Dopo aver maturato queste esperienze, i cinque anni successivi hanno visto proseguire la nostra attività con una maggiore consapevolezza e con azioni più incisive volte alla diffusione della cultura della sicurezza: sono nate iniziative come Un capolavoro in viaggio e I giovani e la protezione del patrimonio culturale con le quali abbiamo moltiplicato le occasioni di approfondimento, specialmente tra i giovani, del tema della protezione e della valorizzazione del patrimonio culturale italiano. Prendendo a modello il progetto sostenuto per la Fondazione Cini di Venezia - con la quale fin dal 2010 prosegue un rapporto di proficua collaborazione per la protezione delle sue strutture sull’Isola di San Giorgio e a Palazzo Cini a San Vio -  abbiamo dato il via a diversi progetti pluriennali che ci consentono di raggiungere obiettivi molto importanti pur con le risorse limitate a nostra disposizione: dalla protezione della Basilica di Sant’Ambrogio a Milano a quella dei Musei di Strada Nuova a Genova e del Teatro La Fenice di Venezia. Tutto quello che abbiamo realizzato nel corso dei nostri primi dieci anni non sarebbe stato possibile senza il sostegno, l’entusiasmo e la partecipazione delle persone che hanno creduto nella nostra Fondazione e che ci hanno accompagnato in questa bella avventura. A loro va il nostro ringraziamento e l’augurio di proseguire insieme questo percorso, per raggiungere tanti nuovi e importanti traguardi per la protezione del nostro più grande tesoro.